Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento del 25.09.2017, ha definito importanti misure di semplificazione in materia di comunicazione degli elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie (modelli Intrastat), la cui introduzione era già prevista per il 2017, ma successivamente prorogata al 2018 dal cosiddetto “Decreto Milleproroghe” (art. 13, c. 4-quater D.L. 30.12.2016, n. 244).

 

Le semplificazioni si applicano ai modelli Intrastat aventi periodi di riferimento decorrenti da gennaio 2018. Gli elenchi Intrastat relativi all’ultimo trimestre 2017 e al mese di dicembre 2017 (seppur presentati nel 2018) ed eventuali rettifiche ad elenchi Intrastat aventi periodi di riferimento antecedenti il 2018 devono quindi essere presentati senza tenere conto delle semplificazioni. A partire dai modelli Intrastat relativi al 2018 i dati di rilievo statistico non più comunicati tramite i modelli Intrastat saranno ricavati dall’invio dati fattura e dalle fatture elettroniche. L’Agenzia delle Entrate renderà disponibili tali dati all’Agenzia delle dogane.

SEMPLIFICAZIONI INTRASTAT RELATIVI AGLI ACQUISTI DI BENI

Non dovranno più essere presentati gli elenchi trimestrali relativi agli acquisti di beni intracomunitari. Gli elenchi Intrastat relativi agli acquisti intracomunitari di beni con periodicità mensile dovranno essere presentati, ai soli fini statistici, solo dai soggetti che, per almeno uno dei quattro trimestri precedenti, hanno un ammontare totale trimestrale di acquisti intracomunitari di beni uguale o superiore a 200.000 euro.

SEMPLIFICAZIONI INTRASTAT RELATIVI AGLI ACQUISTI DI SERVIZI

Non dovranno essere più presentati gli elenchi Intrastat trimestrali relativi agli acquisti di servizi comunitari. Gli elenchi riepilogativi relativi agli acquisti di servizi comunitari di cui all’art.7ter DPR 633/72 con periodicità mensile dovranno essere presentati, ai soli fini statistici, solo dai soggetti che, per almeno uno dei quattro trimestri precedenti, hanno un ammontare totale trimestrale di acquisti di servizi uguale o superiore a 100.000 euro.

SEMPLIFICAZIONI INTRASTAT RELATIVI ALLE CESSIONI DI BENI

Dal 2018 rimane inalterato l’obbligo di trasmissione dei modelli Intrastat relativi alle cessioni di beni, con cadenza trimestrale o mensile in base al superamento del limite di 50.000 euro delle operazioni in uno dei quattro trimestri precedenti. Il limite di 50.000 euro deve essere verificato distintamente per le cessioni intracomunitarie di beni e per le prestazioni di servizio comunitarie rese, ma al superamento del limite anche di una delle due tipologie di operazioni l’obbligo di presentazione mensile del modello Intrastat vale per tutte le operazioni attive. Per i soggetti che presenteranno gli elenchi Intrastat relativi alle cessioni intracomunitarie di beni con cadenza mensile la compilazione dei dati statistici dal 2018 sarà però facoltativa, a condizione che non abbiano realizzato cessioni intracomunitarie di beni per un ammontare totale trimestrale uguale o superiore a 100.000 euro in alcuno dei quattro trimestri precedenti.

SEMPLIFICAZIONI INTRASTAT RELATIVI ALLE PRESTAZIONI COMUNITARIE RESE

Dal 2018 rimane l’obbligo di trasmissione dei modelli Intrastat relativi alle prestazioni comunitarie rese, con cadenza trimestrale o mensile in base la superamento del limite di 50.000 euro delle operazioni in uno dei quattro trimestri precedenti. Il limite di 50.000 euro deve essere verificato distintamente per le cessioni intracomunitarie di beni e per le prestazioni di servizio comunitarie rese, ma al superamento del limite anche di una delle due tipologie di operazioni l’obbligo di presentazione mensile del modello Intrastat vale per tutte le operazioni attive.

28/02/2018