Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Concluso l’iter di conversione del provvedimento 193/2016 collegato alla legge di bilancio per il 2017, si segnalano le disposizioni di maggior rilevanza.

Leggi tutto: COLLEGATO ALLA LEGGE DI BILANCIO 2017 – CONVERSIONE IN LEGGE DEL DECRETO FISCALE 193/2016.

La Regione Emilia Romagna intende promuovere e accrescere l’attrattività turistica e culturale tramite la riqualificazione innovativa delle imprese turistiche, commerciali e culturali e l’offerta di nuovi servizi/prodotti innovativi.

Beneficiari

Leggi tutto: PROGETTI PER L'ATTRATTIVITA’ TURISTICA, COMMERCIALE E CULTURALE

Il Ministero dell’Economia e Finanze ha reso noto le proposte di innovazione metodologica che consentirà il graduale superamento degli attuali studi di settore e il conseguente abbandono definitivo quale strumento di accertamento presuntivo.

La principale novità della nuova metodologia presentata alla Commissione di esperti per gli studi di settore il 7 settembre scorso nella sede della Sose, è che il nuovo strumento che sarà predisposto, restituirà al contribuente non più un livello di ricavi puntuali cui fare riferimento per essere considerato “in regola” fiscalmente, bensì un valore di indice di

Leggi tutto: SUPERAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE CON INDICATORI DI AFFIDABILITA’/COMPLIANCE

In data 17 ottobre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto del Ministro dell'Ambiente attuativo dell'articolo 56 del c.d. “Collegato Ambiente” (legge 221/2015), recante "Modalità attuative del credito d'imposta per interventi di bonifica dei beni e delle aree contenenti amianto". Come sapete, il decreto era atteso da diversi mesi poiché con esso vengono definiti i criteri e le modalità per accedere al suddetto credito di imposta. Dalle informazioni informali circolate nei giorni scorsi, è stata prevista una finestra temporale - tra il trentesimo giorno dalla pubblicazione in GU del decreto (il 16 novembre) e il 31 marzo 2017 - entro cui presentare la domanda tramite apposita piattaforma presente sul sito del Ministero dell'Ambiente.

CLICCA QUI PER LEGGERE

02/11/2016