Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Il 31 dicembre 2012 scade il termine per la presentazione della domanda di contributo per l’assunzione di giovani con contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale o contratto di apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere, con soggetti svantaggiati. Il contributo riguarda le assunzioni avvenute nel periodo 30 novembre 2011 al 31 dicembre 2012.

Beneficiari sono i datori di lavoro privati di qualsiasi settore, residenti sul territorio italiano.

Destinatari sono i giovani di età compresa tra i 15 e i 35 anni che si trovano in condizioni di svantaggio (1) .

Leggi tutto: Apprendistato – Programma Amva

Con decreto legge n. 83 del 22/06/2012 art. n.43 ( cd. Decreto Sviluppo ) le CAMERE DI COMMERCIO sono state chiamate a difesa e tutela del made in Italy.

Il potere sanzionatorio in caso di fallace indicazione dell’uso del marchio è stato trasferito alle Camere di Commercio territorialmente competenti. I soggetti titolari di marchi sono tenuti ad accompagnare il prodotto o le merci con indicazioni precise ed evidenti sull’origine o provenienza estera del prodotto o comunque sufficienti ad evitare qualsiasi fraintendimento del consumatore sull’effettiva origine del prodotto. Al fine di fornire una corretta informazione al consumatore, il prodotto deve essere accompagnato da un’appendice informativa che può concretizzarsi, a titolo esemplificativo con “ prodotto fabbricato in……..”; “ prodotto fabbricato in paesi extra UE ; “prodotto di Provenienza……..”; “ prodotto importato da……… “.

Dott. ssa Giuseppina Tagliafichi Tel. 0523/572232

15/11/2012

Nell’ambito della valutazione il Datore di Lavoro valuta tutti i rischi derivanti da esposizione ad agenti fisici in modo da identificare e adottare le opportune misure di prevenzione e protezione con particolare riferimento alle norme di buona tecnica ed alle buone prassi.

Quali sono gli agenti fisici che devono essere valutati?

In base all’art.180 ( in vigore già dal 01/01/2009 ) si intendono: rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici, radiazioni ottiche artificiali, ultrasuoni, infrasuoni, microclima e atmosfere iperbariche.

Dove non esistono Capi specifici nel Decreto che specifichino le metodologie di valutazione si può far riferimento alle norme di buona tecnica ed alle buone prassi. La valutazione dei rischi derivanti da esposizione ad agenti fisici è programmata ed effettuata, con cadenza almeno quadriennale, da personale qualificato nell’ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia.

Leggi tutto: Aggiornamento valutazione agenti fisici quadriennale

Il 1° novembre entrerà in vigore l’obbligo di fornire informazioni alla clientela attraverso l’etichettatura degli pneumatici.

La normativa europea – con il fine dichiarato di migliorare la sicurezza, l’efficienza economica e ambientale del trasporto su strada,diminuire i consumi di carburante ed il livello di rumorosità – prevede che alcune informazioni relative a specifiche prestazioni degli pneumatici dovranno essere comunicate ai consumatori. Le informazioni riguardano la resistenza al rotolamento in relazione al consumo di carburante, l’aderenza sul bagnato in rapporto alla sicurezza e la rumorosità esterna dei pneumatici (misurata in decibel).Queste informazioni saranno previste soltanto per pneumatici,destinati ad autovetture, trasporto leggero e trasporto pesante, fabbricati a partire dal 1° luglio 2012.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi a Cna Unione Servizi alla Comunità (Giovanna Benasglia), via Coppalati 10 – Piacenza (tel. 0523.572211).

26/10/2012

Il Tribunale del lavoro di Bologna ha emesso, il giorno 15 ottobre 2012, un’ordinanza – a quanto consta, la prima – in materia di licenziamento disciplinare irrogato dopo la legge 28 giugno 2012, n. 92, di riforma del mercato del lavoro (c.d. riforma Fornero). Con l’ordinanza del Tribunale di Bologna in oggetto siamo di fronte ad un’autentica primizia. A quanto consta, infatti, essa è la prima pronunzia, sia dal punto di vista temporale che logico-giuridico, in merito al “nuovo” art. 18 dello Statuto dei lavoratori, come novellato dalla legge 28 giugno 2012, n. 92.

La sua rilevanza sta nel fatto che, a dispetto degli auspici di una parte politica e di un pezzo della dottrina, il giudice ha pienamente conservato, ed esercitato, il potere che dalla legge stessa gli è attribuito.

Leggi tutto: La prima pronunzia sul nuovo art. 18