Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

In un momento di estrema difficoltà per tutte le imprese dell’autotrasporto, il Comitato Centrale dell’Albo ha portato in votazione tre richieste incoerenti rispetto alla necessità di tutelare la sopravvivenza degli iscritti. CNA FITA ha coerentemente votato no a queste richieste, comepotrete

Leggi tutto: CNA FITA - No all’aumento indiscriminato di costi e adempimenti burocratici dall’Albo

Il 20 marzo scorso il decreto legislativo 28/10 aveva reso obbligatorio per le controversie in materia di risarcimento del danno da circolazione stradale, l’esperimento del tentativo di mediazione come condizione di procedibilità dell’azione in giudizio. La norma aveva provocato un po’ di allarme tra diverse categorie e anche tra gli autoriparatori per i possibili contenziosi aperti in virtù della cessione del credito.

Il Tar del Lazio era stato quindi investito già in primavera della questione perché da più parti erano stati avanzati dubbi sulla legittimità costituzionale di una norma che di fatto configurava la mediazione come “fase processuale obbligatoria”.

La Corte Costituzionale ne ha dichiarato la illegittimità costituzionale, per eccesso di delega legislativa, nella parte in cui ha previsto il carattere obbligatorio della mediazione. Tale pronuncia lascia probabilmente aperte le porte ad una successiva revisione della norma da parte del Parlamento per mantenere l’obbligatorietà armonizzandola con le leggi superiori.

15/11/2012

Il 31 dicembre 2012 scade il termine per la presentazione della domanda di contributo per l’assunzione di giovani con contratto di apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale o contratto di apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere, con soggetti svantaggiati. Il contributo riguarda le assunzioni avvenute nel periodo 30 novembre 2011 al 31 dicembre 2012.

Beneficiari sono i datori di lavoro privati di qualsiasi settore, residenti sul territorio italiano.

Destinatari sono i giovani di età compresa tra i 15 e i 35 anni che si trovano in condizioni di svantaggio (1) .

Leggi tutto: Apprendistato – Programma Amva

Con decreto legge n. 83 del 22/06/2012 art. n.43 ( cd. Decreto Sviluppo ) le CAMERE DI COMMERCIO sono state chiamate a difesa e tutela del made in Italy.

Il potere sanzionatorio in caso di fallace indicazione dell’uso del marchio è stato trasferito alle Camere di Commercio territorialmente competenti. I soggetti titolari di marchi sono tenuti ad accompagnare il prodotto o le merci con indicazioni precise ed evidenti sull’origine o provenienza estera del prodotto o comunque sufficienti ad evitare qualsiasi fraintendimento del consumatore sull’effettiva origine del prodotto. Al fine di fornire una corretta informazione al consumatore, il prodotto deve essere accompagnato da un’appendice informativa che può concretizzarsi, a titolo esemplificativo con “ prodotto fabbricato in……..”; “ prodotto fabbricato in paesi extra UE ; “prodotto di Provenienza……..”; “ prodotto importato da……… “.

Dott. ssa Giuseppina Tagliafichi Tel. 0523/572232

15/11/2012

Nell’ambito della valutazione il Datore di Lavoro valuta tutti i rischi derivanti da esposizione ad agenti fisici in modo da identificare e adottare le opportune misure di prevenzione e protezione con particolare riferimento alle norme di buona tecnica ed alle buone prassi.

Quali sono gli agenti fisici che devono essere valutati?

In base all’art.180 ( in vigore già dal 01/01/2009 ) si intendono: rumore, vibrazioni, campi elettromagnetici, radiazioni ottiche artificiali, ultrasuoni, infrasuoni, microclima e atmosfere iperbariche.

Dove non esistono Capi specifici nel Decreto che specifichino le metodologie di valutazione si può far riferimento alle norme di buona tecnica ed alle buone prassi. La valutazione dei rischi derivanti da esposizione ad agenti fisici è programmata ed effettuata, con cadenza almeno quadriennale, da personale qualificato nell’ambito del servizio di prevenzione e protezione in possesso di specifiche conoscenze in materia.

Leggi tutto: Aggiornamento valutazione agenti fisici quadriennale