Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Eventi CNA Piacenza 2012


Quello trascorso è stato un anno molto difficile: il perdurare della crisi ha fiaccato l’iniziativa imprenditoriale e la speranza di una ripresa economica e sociale del nostro Paese. CNA di Piacenza in questo contesto ha cercato di offrire i propri servizi in modo qualificato proponendo

Leggi tutto: Speciale Tesseramento CNA Piacenza 2013

Il Nuovo Apprendistato, come riformato dal Testo Unico del 2011, offre molte più opportunità e vantaggi per le imprese. Più finalità del contratto,maggiori possibilità di assunzione, più chances per le imprese.

Per il 2013 resta obbligatoria la presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale (il cosiddetto Mud). La denuncia dei rifiuti (Mud) deve essere presentata alla Camera di Commercio competente per territorio. E’previsto un diritto di segreteria, il cui importo è stato fissato da uno specifico decreto.

Cna evidenzia, inoltre, che è stato ripristinato l’obbligo della presentazione del Mud anche per chi effettua trasporto di rifiuti a titolo professionale. La sanzione per omessa dichiarazione o per dichiarazione incompleta o inesatta varia da un minimo di duemilaseicento euro a un massimo di quindicimilacinquecento euro. L’Ufficio prevenzione e ambiente di Cna Piacenza ricorda quindi ai propri iscritti di far pervenire i dati relativi all’anno 2012, per la compilazione del Mud entro il febbraio 2013.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare Giuseppina Tagliafichi, tel. 0523/572211.

10/01/2013

La presente Intesa disciplina l'accesso agli ammortizzatori sociali in deroga per l'anno 2013.

La Regione e la parti sociali stipulanti l'Intesa convengono di effettuare una verifica sul finanziamento degli interventi entro il 30 maggio 2013.

Clicca qui per leggere.

20/12/2012

Non è possibile instaurare rapporti di collaborazione coordinata continuativa a progetto per lo svolgimento di compiti meramente esecutivi o ripetitivi, pena la conversione in rapporto di lavoro subordinato.

Il Ministero del lavoro, con la circolare 11 dicembre 2012, n. 29, ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alle novità introdotte dalla riforma ultima del mercato del lavoro, ex lege n. 92/2012, con riferimento ai contratti di collaborazione coordinata continuativa a progetto. Specificamente, ad

Leggi tutto: Collaborazione coordinata continuativa a progetto. I chiarimenti del Ministero del Lavoro dopo la...