Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Sono stati risolti alcuni dei problemi creati da un non felice adeguamento normativo al regolamento CE 1071/09, soprattutto in merito alla capacità finanziaria e agli aspetti operativi del REN. Ricordiamo che tutti gli autotrasportatori devono effettuare l’adeguamento almeno a due dei requisiti fondamentali, entro, appunto il 4 dicembre prossimo.

Era noto fin dal dicembre 2009 che il settore dell’autotrasporto sarebbe andato incontro ad una vera e propria rivoluzione, per quanto riguarda i requisiti dell’accesso alla professione e al mercato: purtroppo, l’Italia ha ancora una volta dato prova di grande superficialità nell’adeguarsi a norme comunitarie che, oltretutto, contribuisce ad approvare con… altrettanta superficialità.

Leggi tutto: CNA FITA - Si avvicina la scadenza del 4 dicembre per l’adeguamento al Reg. CE 1071

EDUCAZIONE FINANZIARIA. COSA DICE LA CENTRALE RISCHI DELLA MIA AZIENDA?

Comprendere le logiche della concessione del credito e leggere criticamente le soluzioni proposte dal sistema bancario.

  • Il seminario, destinato prioritariamente a imprenditori o aspiranti imprenditori, ha come obiettivi:
  • la comprensione approfondita delle logiche finanziarie e della coerenza con le soluzioni offerte dal sistema bancario,
  • di offrire una panoramica completa degli elementi necessari alle Banche per affidare la clientela,
  • di rendere esplicita la correlazione tra le esigenze finanziarie del proprio business e le forme di finanziamento offerte dal sistema bancario,
  • evidenziare come le scelte aziendali si riflettono nella Centrale Rischi.

Al fine di organizzare al meglio l’iniziativa chiediamo alle imprese interessate di manifestare il proprio interesse inviandoci un cenno di riscontro via mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

26/10/2012

Le imprese Associate alla CNA hanno la possibilità di applicare ai propri rapporti di c/c presso gli Istituti Bancari convenzionati l' ACCORDO di TESORERIA che prevede condizioni di maggior favore e quindi un risparmio sugli oneri bancari.

La convenzione con gli Istituti di Credito prevede:

  • condizioni agevolate per: Fido di cassa, Anticipo Salvo Buon Fine e Anticipo Fatture. Grazie a questo Accordo siglato a livello regionale sono definite 4 fasce di inquadramento a ognuna delle quali corrisponde uno spread che, sommato all' Euribor, definisce il costo complessivo del denaro. La fascia di merito viene attribuita dalla banca in relazione alla classe di rischio (rating Basilea);
  • costi predefiniti e calmierati per la Commissione Disponibilità Fondi (C.D.F) o Corrispettivo Disponibilità Creditizia (C.D.C.) o Corrispettivo Servizio Disponibilità immediata (D.I.F.) variabili a seconda dell' Istituto bancario;
  • oneri accessori e commissioni a condizioni vantaggiose (valute, costi operazione, ecc). E' possibile visionare le condizioni aggiornate cliccando qui.

Leggi tutto: Convenzione istituti di credito - Accordo Quadro CNA

Per tutte le attività con dipendenti e/o soci e/o prestatori d’opera all’interno dell’azienda è obbligatorio effettuare la valutazione del rischio norme e regole.

  • Iscrizione immediata e frequenza al più presto del corso di formazione sulla sicurezza del lavoro per titolari di aziende che si autonominano R.S.P.P. (responsabile servizio prevenzione e protezione) (inclusa la prevenzione incendi).
  • Auto-nomina RSPP, da tenere in azienda insieme ad attestato di frequenza del corso di cui sopra. La data deve essere indicata in modo preciso e deve essere successiva a quello di ottenimento dell’attestato di partecipazione.

    Leggi tutto: Sicurezza sui luoghi di lavoro D.lgs n.81 del 09/04/2008

La modifica alla direttiva servizi ha sostanzialmente rivoluzionato l'accesso all'attività di acconciatore. Infatti dal 14/09/2012 è cessata la possibilità di riconoscimento dell'abilitazione professionale conseguita con la sola pratica professionale maturata in qualità di: dipendente, apprendista, titolare, socio o collaboratore familiare di un'impresa del settore.

Pertanto da tale data, per ottenere l'abilitazione professionale, si dovrà fare riferimento solo ed esclusivamente all'art. 3 della legge 174/2005.

A seguito di queste importanti novità, coloro che intendono ottenere il riconoscimento dell'abilitazione professionale conseguita sulla base di una pratica professionale, potrebbero vedersi negare tale riconoscimento.

Per ulteriori informazioni
Dott.ssa Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

0523/572232

26/10/2012