Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

costantini 4Dario Costantini è stato rieletto al timone della Cna piacentina, così ha deciso l’ assemblea che ha riconfermato il presidente provinciale uscente per altri 4 anni.

La crisi e l’ accesso al credito da parte delle imprese sono due tra le priorità di Costantini che si è detto anch’egli pessimista sulla crisi: “Stiamo vivendo la crisi dal secondo semestre del 2008 – ha detto - e ogni sei mesi ci raccontano che da lì a sei mesi la crisi finirà e invece va sempre peggio”.

A memoria di tutti i presenti questa è la peggiore fase congiunturale che sia stata vissuta ma Costantini è comunque motivato ed orgoglioso perché “Le persone che abbiamo conosciuto, imprenditori capaci, ti fanno venire la voglia di lottare per loro che sono la speranza del nostro territorio”. Costantini spera in una ripresa del settore edile, anche per il prolungamento degli incentivi fiscali e invita i piacentini che hanno la possibilità di farlo, a ristrutturare casa avvalendosi dei validi artigiani piacentini, formati per dare delle risposte ai piacentini. Il presidente regionale Emilia-Romagna di Cna Paolo Govoni condivide il pensiero di Costantini circa la crisi e afferma che nella nostra regione questa fase è stata aggravata dal terremoto. Nei giorni scorsi è stato presentato il risultato di uno studio effettuato dall’ osservatorio congiunturale regionale di CNA che ha analizzato i dati di bilancio di oltre 5000 imprese emiliano romagnole con meno di 20 dipendenti, relativi al secondo semestre 2012: “I dati – afferma Govoni – sono pesantissimi.

La crisi si è aggravata e non si vede una via d’ uscita”. Neppure la riforma per il pagamento dei debiti della Pubblica Amministrazione ha dato i risultati sperati a causa delle poche risorse messe in campo e dei percorsi tortuosi che occorre fare per attingervi. Secondo Govoni non è ammissibile in uno stato civile come il nostro così come è da risolvere la questione dell’ accesso al credito: non è possibile che a fronte di un incremento dell’ 11% di richieste da parte delle aziende le banche rispondono con un 5%in meno di erogazioni. Il credito è ancora difficilmente accessibile e troppo costoso. Questa è una priorità per riprendere la strada della crescita.

Questo l' elenco degli eletti: Assieme a Costantini la Presidenza è composta da Fabrizio Finetti e Marisa Savi, anche loro riconfermati, e da Stefania Chiappelloni (Fita Autotrasporto) e Roberto Rivoli (CNA Costruzioni).

I nuovi presidenti delle Unioni di Mestiere sono: Giulia Porta (Alimentare), Franco Savoia (Produzione), Lorena Piana (Benessere e sanità), Marco Salvatori (Comunicazione e terziario avanzato), Fausto Gaudenzi (Servizi alla comunità), Giovanni Rivaroli (Artistico e tradizionale), Ostilia Cassinari (Federmoda), Donato Rosselli (Fita-Autotrasporto), Emilio Bolzoni (Costruzioni), Massimiliano Barilli (Installazione impianti), Dino Garilli (Industria) e Walter Bulla (Commercio). Sono stati eletti anche i nuovi presidenti dei Raggruppamenti d'Interesse: Walter Moschini (CNA Pensionati), Gianfranco Esatti (Professioni) e Laura Lusignani (Impresa Donna). Le sedi territoriali CMA di Fiorenzuola e Castel S. Giovanni sono rispettivamente Emiliano Degan e Corrado Taina.

Piacenza24 07/06/2013