Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Si fa sempre più intenso l’impegno di CNA Piacenza per contrastare gli effetti negativi prodotti dalla crisi economica che, a ritmi alterni, perdura ormai dal 2008.

Nemmeno i positivi, ma ancora timidi, segnali di ripresa registrati nel 2015 (PIL nazionale a + 0,8% dopo il – 0,4% rilevato nel 2014), hanno infatti rallentato l’azione della CNA piacentina per il rilancio del macrocosmo produttivo formato da artigiani e piccoli e medi imprenditori.

L’ultima iniziativa messa in campo, in ordine di tempo, riguarda la lotta all’abusivismo, una piaga che, soprattutto in questi ultimi anni, ha non solo danneggiato artigiani e imprenditori ma anche tantissimi ignari cittadini con conseguenti ricadute negative sugli Enti Locali.

Per cercare di contrastare questa piaga dilagante – "che favorisce la concorrenza sleale, che alimenta il lavoro nero, che fa lievitare l’evasione fiscale, che diminuisce drasticamente le entrate degli Enti Locali e che va ad incidere sulla qualità dei servizi o delle prestazioni offerte ai cittadini" – CNA Piacenza ha proposto un Procollo d’Intesa a tutti i Comuni della nostra provincia, proprio per cercare di contrastare efficacemente l’abusivismo nelle imprese di servizi e delle produzioni.

“Abbiamo raccolto un vero e proprio grido d’allarme – sottolinea il Presidente provinciale di CNA, Dario Costantini – proveniente dalle nostre imprese che, oltre a fare i conti con una crisi economica senza precedenti, sono ingiustamente danneggiate da chi pretende di fare impresa nell’illegalità totale".

"La crisi, purtroppo, ha ulteriormente alimentato l’abusivismo in ogni settore ed è per questo che, dopo aver approfondito questo tema nell’ambito della nostra Direzione provinciale, abbiamo deciso di coinvolgere i Comuni piacentini e le loro strutture di controllo del territorio per cercare di contrastare questa forma di illegalità".

"Faremo una campagna informativa rivolta a tutti i cittadini con la partecipazione delle nostre aziende, istituiremo un punto di raccolta delle segnalazioni di eventuali attività svolte illegalmente e ci confronteremo periodicamente con i Comuni che vorranno aderire a questo protocollo”.

Alla fine di aprile, all’Urban Hub di via Alberoni, CNA Piacenza organizzerà un momento di confronto con tutti gli attori coinvolti in questo progetto e con i rappresentanti dei Comuni che aderiranno al protocollo anti abusivismo.

Piacenzasera 26/02/2016