Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

«Porterò a Roma le istanze dei nostri artigiani e dei diata applicabilità essendo un pro- piccoli e medi imprenditori»

L’imprenditrice piacentina Stefania Chiappelloni è stata eletta nei giorni scorsi componente della Direzione Nazionale di CNA. L’importante incarico - che nella nostra provincia si aggiunge a quello dell’attuale Presidente regionale di CNA, Dario Costantini, in carica già dal 2013 - è stato assegnato alla giovane imprenditrice piacentina nel corso dell’Assemblea Nazionale, recentemente svoltasi a Roma,. Imprenditrice del settore trasporti, Stefania Chiappelloni fa parte già da cinque anni anche anche della Presidenza e della Direzione provinciale di CNA. “Sono onorata di questo importante incarico nazionale - commenta Chiappelloni - che rappresenta soprattutto un riconoscimento a tutta la CNA piacentina per l’ottimo lavoro che da quasi cinquanta anni svolge sul nostro territorio. E’ un incarico di grande responsabilità, che mi permetterà di portare in sede nazionale le problematiche e le istanze dei nostri artigiani e piccoli e medi imprenditori. L’impegno che in questi anni ho dedicato a CNA mi ha permesso di interfacciarmi con le tante importanti realtà che compongono il tessuto produttivo della nostra provincia, di conoscere da vicino e di toccare con mano situazioni che mi hanno aiutata a crescere, sia come imprenditrice che come rappresentante di un’associazione di categoria. Ora ho la possibilità di mettere a frutto queste esperienze, di confrontarmi e di lavorare in un contesto nazionale dove cercherò di rappresentare, difendere e tutelare le istanze degli imprenditori e della CNA piacentina. Voglio ringraziare il Presidente provinciale Giovanni Rivaroli e il Direttore Enrica Gambazza che mi hanno sostenuto per questo nuovo incarico, ma anche Dario Costantini che negli ultimi cinque anni mi ha permesso di vivere un’importante esperienza di crescita».

Libertà del 30/11/2017