Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies, continuando la navigazione ne autorizzi l'uso.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Le prime docenti del corso, questo weekend a Bobbio sono Caterina D’Amico e Cecilia Valmarana, due big della produzione cinematografica. La presentazione con i massimi rappresentanti di Ministero e Regione

2018 02 24 PHOTO 00000089 2Si è tenuta nella mattinata del 24 febbraio la conferenza di presentazione del corso di Alta Formazione in Produzione Cinematografica al via oggi a Bobbio nell’ambito del progetto annuale "Fare Cinema". Sono intervenuti Stefano Bonaccini, presidente della Regione Emilia Romagna che ha ribadito l’impegno della regione in ambito culturale, Enrica Gambazza, presidente di Cna ente attuatore del corso che ha sottolineato l’importanza degli sbocchi occupazionali del corso e Paola Pedrazzini direttrice artistica del progetto formativo per l’Associazione Marco Bellocchio che ha descritto il corso sottolineandone l’unicità, inquadrandolo nell’ambito del la progettualità della neonata Fondazione Fare Cinema e portando i saluti del sindaco di Bobbio Roberto Pasquali impossibilitato ad intervenire.

Presenti in Cna (luogo dove si è tenuta la conferenza stampa) anche Paola De Micheli e Paola Gazzolo (che presentarono insieme al Ministro Franceschini a Bobbio il progetto ancora embrionale della Fondazione Fare Cinema). Il bando per partecipare al corso a numero chiuso (14 partecipanti) era stato emesso a fine dicembre 2017, le selezioni sono avvenute nella scorsa settimana e per i 14 fortunati ammessi le lezioni iniziano questo weekend.

Ad aprire il corso due big del mondo del cinema: Cecilia Valmarana, produttrice, oggi dirigente di Rai Gold dopo una lunga esperienza in Rai Movie e Caterina D’Amico oggi Preside della Scuola Nazionale di Cinema e in passato membro del Consiglio d'Amministrazione della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia, Presidente dell'Associazione Europea di Scuole di Cinema e Televisione GEECT, Presidente dell'Associazione Internazionale di Scuole di Cinema e Televisione CILECT, Amministratore Delegato di Rai Cinema; ha inoltre collaborato con Martin Scorsese, in qualità di produttore associato, a tutte le fasi della realizzazione del documentario sulla storia del cinema italiano My voyage to Italy, Ha dedicato molti anni allo studio dell'opera di Luchino Visconti, su cui ha scritto diversi saggi e volumi. Attualmente è il responsabile scientifico dell'Archivio Luchino Visconti, conservato presso la Fondazione Istituto Gramsci.

Due “big” del mondo della produzione, come tutti i docenti del corso, articolato in più week end intensivi a Bobbio da oggi alla fine dell’anno, in sessioni di lavoro dedicate a tutte le fasi della produzione cinematografica.

L’unicità del corso è legata all’opportunità più unica che rara per gli studenti, di confrotarsi con chi lavora ai massimi livelli della filiera della produzione cinematografica. I docenti del corso saranno infatti produttori come Nicola Giuliano (produttore di Paolo Sorrentino, con lui sul palco alla notte degli Oscar per La Grande Bellezza), Beppe Caschetto (produttore di “Fai bei sogni”), Gregorio Paonessa (impegnato in questi giorni a Berlino come produttore dell’unico film italiano in concorso); dirigenti delle principali istituzioni italiane e straniere di Cinema: oltre a Caterina D’Amico, Roberto Olla (direttore di Eurimage), Maria Jole Giannattasio (Mibac) e tanti altri. Ciascuno di loro proporrà agli studenti lezioni che comprendono analisi teoriche e di metodo ma anche e soprattutto confronti unici con cases history reali.

Il corso al via oggi è finanziato dalla Regione Emilia Romagna e, come il corso di Alta formazione in sceneggiatura, si inserisce nell’Offerta Formativa della neonata Fondazione Fare Cinema sostenuta dal Ministero, presieduta da Marco Bellocchio e guidata da Paola Pedrazzini (nel cda della Fondazione insieme ai rappresentanti dell’Istituto Luce). Soggetto attivatore del corso è Ecipar Piacenza che rilascerà ai partecipanti l’attestato a fine percorso. Questi i nomi dei 14 partecipanti (che hanno superato due prove scritte e un colloquio per l’ammissione) che provengono da tutta la regione e che hanno un’età media di 25 anni: Martin Basile, Alessandro Bellani, Cristina Bernardi, Marta Braga, Simona Brambilla, Giorgia Dughetti, Pietro Fantone, Giulia Foschi, Ilaria Giangrande, Stella Gonzi, Federica Gotti, Sara Rasio, Davide Pampanin, Mattia Pisani, Tommaso Santambrogio. Tra questi quattro ragazzi piacentini: Alessandro Bellani, Simona Brambilla, Mattia Pisani e Giorgia Dughetti.

Il Piacenza 24/02/2018